partner italiano

con il supporto della commissione europea EACEA - Programma Grundvig


Pace Project Italy - il progetto


 

Una nuova piattaforma di apprendimento per la coesione europea


Il PACE Learning Partnership riunisce organizzazioni teatrali provenienti dalla Italia, Portogallo, Irlanda, Svezia e Francia. E'stato progettato nel contesto della crisi del debito europeo. I partecipanti si sono riuniti ad Atene nel mese di febbraio 2012 per finalizzare il progetto in una una visita preparatoria. Il progetto è stato poi approvato dalla Commissione Europea - Programma Gruntvig, in giugno del 2012.
Le organizzazioni coinvolte condividono l'interesse a mettere in discussione le questioni politiche e geopolitiche nei loro progetti, in particolare attraverso laboratori per adulti. Tra gli argomenti che vogliono trattare per i prossimi anni c'è la crisi e le sue conseguenze in Europa. Attraverso questo progetto si vuole offrire un mezzo (artistico) alla politica per trovare soluzioni alla crisi, in sostanza, come l'arte può venire in aiuto alla crisi.

I membri di tali organizzazioni vogliono condividere la loro pratica specifica in laboratori artistici che associano la scrittura, la creazione e il dibattito. Hanno in programma di portare comuni esperienze pratiche in laboratori aperti a una vasta gamma di comunità locali, e di ampliare e arricchire il proprio approccio originale e pedagogico. Sperimentando nuove proposte trasversali, i membri del progetto vogliono coinvolgere i cittadini europei ad affrontare questioni politiche e geopolitiche che riguardano tutti.

Il risultato sarà l'identificazione di nuovi modi di associare gli artisti e il pubblico su scala europea, al fine di scambiare conoscenze e competenze. Contestualmente, questa esperienza europea di dialogo civile sarà portato su una scala locale e, a questo livello, sarà valutato quale impatto porterà sulla comunità. Questa iniziativa di partenariato di apprendimento cerca di fondere l'estetica del teatro e la politica come un canale per affrontare la crisi attuale a livello europeo. Inoltre si favorisce la condivisione e la riflessione comune, si accresce la consapevolezza dei temi trattati con i quali condividiamo attualmente la nostra quotidianità, restituendo ai partecipanti una maggiore motivazione e partecipazione attiva alla vita politica e all'impegno civile.

Il progetto PACE consentirà ad un numero di artisti con base in Europa di scambiare le diverse tecniche creative che utilizzano nella loro pratica. Collegare i tirocinanti e le comunità locali in questo processo di apprendimento, farà di questo rinnovato rapporto tra teatro e politica un'arma contro il ritiro della coesione europea.

Perché il progetto di Pace?

Ognuna delle organizzazioni coinvolte in PACE condividono un'importante esperienza nell'articolare questioni politiche e geopolitiche attraverso workshop e laboratori teatrali. Essi condividono anche la necessità di portare queste esperienze ad altre organizzazioni con interessi simili, aumentando la loro consapevolezza e competenza nell'imparare da esperienze simili in contesti e approcci diversi. L'obiettivo è anche associare entrambi, formatori e operatori del settore, a queste nuove esperienze al di fuori del loro abituale territorio.

Le organizzazioni hanno scelto la crisi nel quadro europeo come un tema comune. Questo argomento di per sé motiva i partner ad andare al di là del loro territorio abituale e pubblico regolare, e iniziare a condividere le esperienze con i formatori e i tirocinanti europei, con l'obiettivo di verificare come ognuno affronta la crisi in modo diverso. La dimensione transnazionale della crisi stimola la necessità di condividere i punti di vista, esplorando diverse realtà attraverso diversi approcci pedagogici.

sviluppare la consapevolezza

Di conseguenza, un altro motivo per tale progetto è quello di sviluppare la consapevolezza che molte esperienze simili sono condotte in Europa dimostrando come l'arte e la creazione possono essere collegate con la pedagogia e la cittadinanza attiva. In un momento in cui gran parte del sostegno pubblico è in calo, è indispensabile creare le opportunità per condividere le esperienze con altre organizzazioni e persone che sviluppano loro stesse nuove pratiche.

Preparando il progetto, i partner coinvolti si sono resi conto che lavorano utilizzando codici e metodi provenienti da un patrimonio comune europeo, ma anche che tali codici sono stati influenzati da mode e tradizioni locali. Questa scoperta è diventata una nuova motivazione per lo scambio di approcci creativi, in grado di alimentare la loro pratica attuale e pedagogica.

un'esperienza pedagogica sulla crisi attuale

L'Europa sta vivendo una crisi che segna forte delusione e sfiducia nella popolazione, ma anche tra le organizzazioni politiche che potrebbero invece offrire una via di soluzione. Così gli artisti di teatro europei colgono l'occasione per lo scambio di approcci metodologici e conoscenze pratiche con i coetanei europei , senza avere la pressione di vendere un prodotto come il risultato finale creato dal mercato culturale. Questo progetto è necessario, dato che invita a partecipare a questi livelli (sociale ed artistico) in una unica esperienza pedagogica basata sulla questione della crisi attuale, nella speranza di offrire una nuova luce sul livello di comprensione.

Obiettivi del progetto

-Per costruire una rete di scambi artistici e pedagogici, promuovere la mobilità dei formatori e tirocinanti tra Grecia, Francia, Portogallo, Irlanda, Italia e Svezia.
-Per includere le istituzioni locali (ad esempio: Municipi, Casa di iniziative dei cittadini, scuole, i centri culturali ...) in una riflessione comune, aumentando la loro consapevolezza su temi politici e geopolitici e di collegare il loro approccio locale al più ampio contesto europeo.
-Per fare ricerca nelle comunità locali colpite da crisi. In particolare utilizzando testimonianze (racconti) di persone che soffrono di problemi legati alla crisi sociale/integrazione al fine di rafforzare il senso di intimità con un nuovo pubblico a cui ci si indirizza.
-Per consentire ai partecipanti di confrontare le loro pratiche, migliorare le capacità comunicative in una lingua (inglese) e di imparare dalle pratiche di altri paesi europei partner realizzando una serie di workshop.
-Per creare uno spazio aperto per l'interazione tra individui di diverse nazionalità, di sesso, generazioni e settori sociali
-Per affrontare i problemi di integrazione sociale a causa di difficoltà economiche o etniche, coinvolgendo nei laboratori formatori, insegnanti, tirocinanti scelti da gruppi locali.
-Per rafforzare il legame tra creazione artistica e il settore della formazione degli adulti, concentrandosi sul dialogo tra artista e pubblico intorno al soggetto comune delle crisi.

argomenti politici e geopolitici

Il progetto si propone di affrontare temi politici e geopolitici e più in particolare del soggetto crisi finanziaria e le sue conseguenze sulle persone europee oggi. L'obiettivo è di permettere ai partecipanti di appropriarsi di questo tema attraverso un processo artistico e pedagogico e di rafforzare il dialogo civile che possono avere su tale argomento. Con il risultato del partenariato e la diffusione di esso, ci aspettiamo che questo dialogo civile possa essere ampliato e continui a livello locale (portando la dimensione europea alla fase locale)

Il progetto è stato progettato in modo che ogni partner accolga i gruppi di altri paesi per condividere il proprio modo di insegnare. Ogni workshop darà la possibilità di scoprire i diversi approcci, diversi metodi esistenti nel paese.

la dimensione europea

Lungi dall'essere un ulteriore vantaggio, la dimensione transnazionale del progetto risponde alla necessità di riconoscere che un incontro tra la politica e le arti dello spettacolo può essere compresa solo nel quadro dell'attuale casa comune europea: economia, debito pubblico e bilanci nazionali sono determinanti per l'intera comunità europea che viene posta di fronte a un bivio drammatico. Quindi, per re-immaginare un futuro comune, dobbiamo pensare (e agire) su scala europea.

Questo progetto consentirà ai formatori e operatori del settore di confrontarsi con nuovi modi di affrontare i problemi più comuni in un contesto europeo e renderà più facile la comprensione della necessità di adattarsi per stare insieme.
I partecipanti condividono le loro metodologie artistiche così come i loro rispettivi punti di vista sociali, derivanti dalla loro appartenenza ad un determinato paese, gettando una nuova luce sui temi scelti.
Essa consentirà una più profonda comprensione dei meccanismi che potrebbero mettere in pericolo la fraternità auspicata dei cittadini europei, favorirne l'amicizia e il desiderio di essa.
I partecipanti si confronteranno, in un ambiente culturale diverso dal proprio, secondo diversi metodi artistici, che li porteranno a riconsiderare la propria pratica e il proprio punto di vista attraverso il confronto europeo. E questo ampio spettro sarà rafforzato dall'aspetto intergenerazionale e intersociale del progetto, all'interno dei gruppi di formatori e tirocinanti, fornendo a tutti i partecipanti un ricco bagaglio di esperienze che si protrae nel tempo (di generazione in generazione), e nello spazio (attraverso geografia).

impatto

Tutte le persone partecipanti potranno arricchire la loro competenza linguistica (e l'interesse per l'apprendimento delle lingue), l'approccio artistico nonché la loro comunicazione e competenza tecnologica, in modo da avere la possibilità di scambiare le migliori pratiche. Il progetto vuole ampliare le loro visioni artistiche ed i partecipanti scopriranno nuove tecniche e metodi - non solo tecniche artistiche, ma anche quelle pedagogiche - attraverso i diversi laboratori guidati da artisti diversi.
Il progetto prevede anche di aumentare la consapevolezza civica della diversità culturale europea e le somiglianze, fornendo ai partecipanti gli strumenti adeguati per una migliore comprensione delle questioni politiche contemporanee, attraverso una successione di esperienze che caratterizzano il diverso punto di vista sulla crisi, realizzato in contesti diversi.
Le tecniche creative utilizzate in questo progetto riguardano molto da vicino la situazione sociale, economica e politica di ogni paese. Ciò significa che i formatori e tirocinanti in viaggio all'estero avranno la possibilità di capire come i problemi comuni sono percepiti ed espressi in altri paesi europei. Stiamo quindi parlando di costruzione di una community, nel tentativo di focalizzare che "l'altro" cesserà di essere "l'altro" e diventare "uno di noi". E questo è sicuramente il modo di costruire l'Europa nel senso proposto, 60 anni fa, da Robert Schuman.
Se consideriamo le Istituzioni, la partecipazione a questo progetto contribuirà ad aumentare la credibilità e la visibilità nei paesi di origine, facilitando il lavoro in generale delle istituzioni e la creazione di un modello per la futura cooperazione transnazionale. La partecipazione consentirà anche alle Istituzioni di approfondire le modalità di approccio ai programmi di cooperazione e di finanziamento europei.
Ogni organizzazione avrà quindi la possibilità di condividere le sue pratiche con le altre Istituzioni locali che consentano all'insieme dei partner di diffondere i metodi e le conoscenze trasmesse da questo scambio, in una diffusione virale del lavoro e il riconoscimento degli istituti partecipanti.