con il contributo della Provincia di Roma
in collaborazione con il Liceo James Joyce di Ariccia (Rm)

ASSOL(A)*

*Percorsi teatrali al femminile nella storia, nella letteratura, nella fisica e nel quotidiano

>>> si accettano prenotazioni anche per studenti di altre scuole <<<
tel. 380.7331528 per prenotazioni

Il progetto dedicato agli studenti degli istituti secondari superiori si sviluppa secondo itinerari legati alla storia, alla letteratura, alla fisica, al cinema, attraverso cinque "assolo" teatrali al femminile. Donne in scena che dimostrano anche come il messaggio che si trasmette nell'opera teatrale oltrepassi il vincolo talvolta legato all'interpretazione di un personaggio maschile. Tematiche fortemente legate alla didattica.
Considerata l'importanza del ruolo del teatro nella formazione culturale dei cittadini, soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo delle capacità critiche delle nuove generazioni e potendo affermare con convinzione che il teatro è un vettore privilegiato delle idee, suscettibile di contribuire a che l'unità europea non sia soltanto l'unità dei sistemi economici e normativi, ma anche quella delle sue diverse identità culturali, tale progetto intende sviluppare il rapporto tra teatro e scuola, in particolare introducendo l'educazione teatrale nel programma di formazione dei giovani.

Organizzazione
Liceo James Joyce di Ariccia in collaborazione con l'Associazione culturale The International Theatre.
Responsabile del progetto
Arch. Elvio Carta, preside del Liceo e Prof.ssa Mariepaule Starquit, funzione strumentale responsabile dei rapporti con l'esterno, Liceo James Joyce Via Alcide De Gasperi 20, Ariccia (Rm), tel. 06.9330745.
Responsabile artistico del progetto
Tomaso Thellung, legale rappresentante dell'Associazione culturale The International Theatre
Periodo
4 incontri in autunno 2004
Luogo
Auditorium del Liceo James Joyce di Ariccia - Via Alcide De Gasperi 20, Ariccia (Rm).
Obiettivi
Alla base dell'iniziativa vi è la volontà di avvicinare i giovani al teatro attraverso racconti e storie vere che attingono alla quotidianità, ora in chiave comica, ora seria, brillante o drammatica, attraverso percorsi storici, letterari o seguendo schemi tipici della creazione narrativa delle sceneggiature cinematografiche o quella fantastica delle leggende. Un percorso che si sviluppa parallelamente ai temi e programmi scolastici attraverso il linguaggio teatrale. Ogni testo verrà presentato secondo una formula di apprendimento interattivo, dove l'interprete si confronterà con gli studenti sulle tematiche trattate e sul lavoro affrontato per arrivare alla sua narrazione scenica. Tale formula è beneficiaria di un forte contenuto educativo, provato e sperimentato, che consente di rimanere impresso nella mente del soggetto in questione proprio in quanto partecipante al "gioco" teatrale. L'interdisciplinarietà tra i testi presentati e le tematiche didattiche sono alla base di tale percorso: si toccano infatti temi legati alla storia, alla letteratura inglese, alla fisica, alla filosofia, all'etica, al cinema.

Contro la passività alla quale ci sottopongono i mass media oramai fin dalla più tenera età, lo studente sarà "immerso" in alcune realtà, che siano esse metropolitane, storiche o del quotidiano, assimilando, con divertimento talvolta, con emozione, commozione e riflessione altre volte, le regole e gli stimoli emotivi fondamentali che ci offre quotidianamente la vita, di ieri e di oggi.

Gli studenti verranno inoltre coinvolti in prima persona: si richiederà la partecipazione attiva di alcuni gruppi per effettuare delle riprese con telecamera degli spettacoli, altri per effettuare delle interviste alle attrici o ai registi, agli scenografi, ai tecnici o ai produttori, e tutti coinvolti alla fine per esprimere dei loro pensieri o giudizi critici a quanto hanno assistito. Il materiale così raccolto, sia scritto che audio e video, fornirà una valida documentazione che potrà essere in seguito usata per fini didattici.

L'obiettivo è quello di iniziare i giovani alla fruizione di spettacoli di qualità in modo da farli diventare degli spettatori, giustamente, esigenti!

Il Progetto
Quattro sono gli spettacoli che verranno presentati agli studenti:

1) LA STORIA
"Ascoltami bene!" di Etty Illesum. Interpretato da Mascia Musy e diretto da Emanuela Giordano. Così ne parla la regista:
<< Le lettere e i diari di questa giovane ebrea olandese scritti tra il 1941 e il 1943 mi hanno travolto per la freschezza e l'autenticità, per i cedimenti dichiarati, mai elusi, gli improvvisi recuperi, il profondo desiderio di spiritualità e di pace, di amore e libertà, una libertà morale, vitale, interiore che non cede neanche davanti alle restrizioni, all'umiliazione, ai patimenti ed infine al destino certo di morte che Hetty affronta in un treno blindato, cantando. >>
Uno spettacolo dedicato alla memoria storica di una tragedia dell'umanità che non deve essere dimenticata. Una interpretazione unica ed emozionante. Sarà in scena il 15 ottobre 2004

2) LE SCIENZE
" Vita di Madame Curie" scritto ed interpretato da Maria Vittoria Piancastelli.
<< Questo spettacolo vuole essere un omaggio a questa straordinaria donna e scienziata che assieme al marito Pierre Curie condusse, tra mille difficoltà, sul finire dell'Ottocento, gli studi sulla radioattività che portarono alla scoperta del Radio. E' una narrazione che predilige l'aspetto intimo e privato, una specie di inaspettata confessione, con la quale Maria decide di parlare di sé, delle sue speranze e dei suoi sogni, facendo il ritratto di un'epoca e di un ambiente ancora precluso alle donne. Fu per la sua passione infaticabile, protagonista del suo tempo e pioniera in un campo di ricerche condotte in condizioni che oggi sarebbero impensabili; ma è protagonista anche del nostro tempo perchè tra Maria Curie Sklodowska e l'energia atomica la relazione è diretta.>> Sarà in scena il 26 ottobre 2004- di questo spettacolo sarà presentata una replica in versione italiana e una replica in francese

3) LEGGENDA E LETTERATURA
" Moby Dick" tratto dal capolavoro di Herman Melville. Diretto ed interpretato da Caterina Casini con le musiche scritte ed interpretate dal vivo dal Maestro Massimo Coen.
<< Il grande racconto di Herman Melville viene presentato in forma di concerto per una voce recitante e strumenti.
L'ossessione della cattura, la follia dell'uomo che non vede il limite (molto attuale) sono i temi più cercati in questa riduzione, che adotta la traduzione di Cesare Pavese, dalla grande musicalità. La voce narrante è femminile, tralascia ogni necessità di caratterizzazione per mettere in evidenza la metafora e il lirismo del racconto. La musica contiene e insegue questa voce, per poi farsi racconto essa stessa >>.
Sarà in scena il 25 ottobre 2004

4) IL CINEMA
"Al Pacino " scritto e diretto da Pierpaolo Palladino con Cristina Aubry
<< La vicenda narra la storia di una ragazza romana che si presenta a Cinecittà a proporsi come comparsa per il set del famoso film "Il Padrino parte III" diretto da Coppola ed interpretato da Al Pacino. Lei è solo un volto tra la folla, ma casualmente si imbatte nel divo a cui fa una tale impressione da essere assunta alle sue dipendenze come segretaria particolare. Si troverà quindi per tutte le riprese a vivere a fianco a lui, a gestirne il camerino, ad essere il filtro tra lui e il resto del mondo. Una responsabilità semplice quanto angosciante per una ragazza non in carriera, che bada al proprio dovere come unica ancora di salvezza in un mondo a lei estraneo.
Il mito è tale se contemplato a distanza, da vicino resta solo l'uomo. E' qui che nasce la storia di un rapporto singolare ma possibile, basato su una vicenda realmente accaduta.>>.
In un mondo in cui i media, ed in particolare la televisione, producono quotidianamente dei "miti" costruiti spesso su dei castelli di carta, questo testo ci fa vedere il lato umano e vero di una ragazza qualunque, del mondo cinematografico e di un suo indiscutibile protagonista.
Sarà in scena il 6 novembre 2004